BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI, una guida agli acquisti…

Bonus mobili FMA

Stai effettuando (o stai per effettuare) dei lavori di ristrutturazione a casa ed è previsto l’acquisto di mobili ed elettrodomestici? Con il Bonus mobili potrai cogliere l’occasione di ottenere una detrazione sull’acquisto di questi beni.

Vedremo nelle prossime righe di cosa si tratta, quando si può sfruttare, chi lo può richiedere, e come fare per ottenere il Bonus mobili. Inoltre anche per questo articolo, come per quelli di Ecobonus e Sismabonus visti in precedenza, è possibile scaricare un quadro sinottico riepilogativo del Bonus mobili e del Bonus ristrutturazioni in .pdf utile per togliere qualche dubbio residuo in modo veloce. Ma non preoccuparti, il modulo per richiederlo si trova alla fine dell’articolo, leggilo con calma e poi scarica in tranquillità l’infoprodotto.

Che cos’è il Bonus Mobili?

Il Bonus Mobili consiste in una detrazione IRPEF del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni) destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

Con la recente legge di bilancio (L. 160/2019) la detrazione è stata prorogata anche per gli acquisti che si effettuano nel 2020, a condizione che l’intervento di ristrutturazione edilizia sia iniziato non prima del 1° Gennaio 2019. Lo stesso vale per gli acquisti effettuati nel 2019: si può sfruttare il Bonus mobili solo se l’intervento di ristrutturazione edilizia è iniziato non prima del 1° Gennaio 2018.

Come e quando si ottiene il Bonus mobili?

La detrazione si ottiene indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi.

Per avere l’agevolazione è indispensabile realizzare una ristrutturazione edilizia (ed usufruire della relativa detrazione), sia su singole unità immobiliari (residenziali) sia su parti comuni di edifici (residenziali).

N.B.
  1. La detrazione spetta unicamente al contribuente che usufruisce della detrazione per le spese di intervento di recupero del patrimonio edilizio.
  2. La detrazione spetta anche quando i beni acquistati sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto dell’intervento edilizio.
  3. Quando si effettuano dei lavori sulle parti condominiali (ad esempio appartamento del portiere o la guardiola) i condòmini hanno diritto alla detrazione, ciascuno per la propria quota, solo per i beni acquistati e destinate a tali aree.

E’ necessario, per poter ottenere ed utilizzare il Bonus mobili, che la data di inizio lavori di ristrutturazione PRECEDA quella dell’acquisto dei mobili. Tale data di inizio lavori è riportata da eventuali titoli abilitativi o dalla comunicazione alla ASL. Nel caso in cui non siano necessari titoli edilizi per la realizzazione delle opere (edilizia libera), è necessaria una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui si riporta la data di inizio lavori.

Quali sono gli interventi edilizi che permettono la detrazione?

Saranno qui riportate solo le categorie di interventi edilizi che permettono di usufruire del Bonus mobili, mentre le specifiche lavorazioni (interne alle categorie) saranno dettagliatamente elencate nel quadro sinottico scaricabile.

Le categorie che permettono di usufruire della detrazione sono:

  • Manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti;
  • ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi (solo però se si è stato dichiarato lo stato di emergenza);
  • restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia di interi fabbricati, realizzati da imprese e/o da cooperative edilizie che entro 18 mesi dalla fine dei lavori, vendono o assegnano l’immobile;
  • manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali.

Per quali acquisti vale il Bonus mobili?

La detrazione spetta per l’acquisto di:

  • Mobili nuovi (es. letti, sedie, tavoli, armadi, cassettiere, divani, poltrone etc…) ad esclusione di porte, pavimentazioni, tende e tendaggi.
  • Elettrodomestici nuovi (es. frigoriferi,congelatori, lavastoviglie, apparecchi per cottura, stufe elettriche, ventilatori, condizionatori etc…) di Classe non inferiore alla A+ (A per i forni)

Qual è l’importo detraibile col Bonus mobili?

La detrazione del 50% va calcolata su un importo massimo di spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di 10.000€, che deve essere ripartita in dieci quote annuali. La detrazione non dipende dall’entità della spesa sostenuta per i lavori di ristrutturazione.

N.B.

Il limite massimo di 10.000€ è riferito alla singola unità immobiliare comprensiva delle pertinenze pertanto se si effettuano lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari si avrà diritto più volte all’agevolazione.

Come si devono fare i pagamenti?

Per poter usufruire delle detrazioni sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici è necessario effettuare i pagamenti con bonifico o carta di credito o di debito. Non è consentito pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.

Quali documenti sono necessari?

Occorre conservare i seguenti documenti:

  • Ricevuta del bonifico;
  • Ricevuta di avvenuta transazione (per pagamenti con carte);
  • Documentazione di addebito sul conto corrente;
  • Fatture di acquisto dei beni.

Tutte le informazioni utili che possono andare ad integrare l’articolo sono contenute all’interno del quadro sinottico che potete richiedere qui sotto, riempiendo il modulo dedicato. Spero di avervi aiutato e fatto scoprire qualcosa in più per “incentivarvi”, qualora abbiate in mente di effettuare dei lavori in casa, ad andare avanti e di approfittare di qualche “bonus” per aggiungere idee e progetti in più alla vostra prossima ristrutturazione.

Pagina dedicata dell’AdE: https://www.agenziaentrate.gov.it

Per domande e chiarimenti puoi contattarmi QUI mentre se vuoi continuare a leggere altri articoli puoi trovarli nel BLOG

Segui anche le mie pagine social per rimanere aggiornato anche sulle ultime ambientazioni progettate e lasciarti ispirare:

Richiedi il quadro sinottico Bonus Mobili:

Torna alla HOME

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: