ARREDARE CON LA CARTA DA PARATI PT.1: Per saperne di più su questo grande classico

Un’ottima alternativa per chi si dedica alla decorazione della propria casa e che magari è anche alla ricerca di qualche idea diversa e ricercata, è sicuramente quella di arredare con la carta da parati.

Carta da parati FMA

La carta da parati è una tipologia di carta (o di altri materiali) utilizzata originariamente per coprire le pareti di casa, ma che col passare del tempo fino ai giorni nostri ha ampliato il suo campo di applicazione fino ad essere usata anche su mobili, arredamento e accessori.

CARTA DA PARATI: qualche cenno storico

Le origini…

L’uomo da sempre ha sentito la necessità di decorare e ornare le pareti della propria casa, per soddisfare il bisogno di comunicare con gli altri o anche solo per distinguersi. E’ per questo che la nascita della carta da parati può essere fatta risalire a tantissimi anni fa.

Carta da parati FMA
Gli arazzi e il Medioevo:

Per avere un contesto storico di riferimento chiaro per la nascita della carta da parati però possiamo tornare al Medioevo quando in Europa si diffuse la tradizione araba di ornare le proprie case con gli arazzi (tappeti da parete diffusi soprattutto nelle corti).

Carta da parati FMA

In seguito, attorno al XII secolo con l’avvio della rivoluzione commerciale, si iniziò ad importare carta dalla Cina, e sempre in Europa si diffuse l’arte di dipingersi a mano la carta che poi si andava ad attaccare alla parete. Ci si avvicina sempre di più quindi alle prime idee di “personalizzazione” della carta (e della casa) e quindi alla ricerca di quell’impronta personale da dare agli ambienti di casa.

Il Boom: gli anni’70

Con l’avvento delle macchine industriali si rese accessibile a tutti questo prodotto grazie alla stampa seriale di carta da parati. Nel dopoguerra si registrò una forte crescita dell’utilizzo della carta da parati, che raggiunge il picco negli anni ’70 quando in ogni casa era possibile trovare della carta da parati con geometrie e disegni di qualsiasi tipo.

Carta da parati FMA

Il design di interni visse una vera e propria rivoluzione che interessa sia la decorazione che il colore. La voglia di spiazzare e di stupire si manifestava proprio nelle fantasie e nelle cromie delle carte da parati sotto forma di grandi geometrie o enormi fiori dai colori sgargianti.

Carta da parati FMA
Oggi…

Grazie alle tecnologie di cui possiamo disporre oggi, è possibile stampare una carta da parati personalizzata (sia per quanto riguarda il disegno che per quanto riguarda il supporto), molto più resistente, lavabile e a prezzi più economici. Ecco perché a distanza di più di 40 anni questo prodotto è tornato prepotentemente di moda nell’interior design.

Carta da parati FMA

I MATERIALI

La scelta è vasta e si va da quelli più semplici come la cellulosa, il PVC, il lino, fino alla fibra di vetro. Le diverse proprietà dei materiali ne indirizzano l’uso.

IN CARTA:

Sono formate da un unico strato di cellulosa. Possono avere una superficie liscia (che necessita di un muro perfetto e privo di asperità per la posa) o groffata (al contrario può essere usata su muri non perfettamente lisci, in quanto può aiutare a nascondere le imperfezioni delle pareti). Non sono adatte in ambienti umidi.

LE VINILICHE:

Lavabilità e robustezza sono le proprietà delle carte da parati a base vinilica. Sono composte da un supporto in carta (o tessuto) su cui viene applicato un rivestimento stampabile (personalizzabile) in materiale plastico. Possono essere sia lisce che groffate e sono in grado di riprodurre qualsiasi effetto decorativo.

TESSUTO NON TESSUTO (TNT):

E’ un materiale formato da una miscela di fibre di cellulosa e tessuto, proprio per questo vanta alta resistenza e impermeabilità. Può essere usato sia in un unico strato che come supporto. Risulta più facile sia da applicare (il collante come per le viniliche si stende sulla parete e non sul foglio) che da rimuovere (non lascia residui) rispetto alle carte tradizionali.

FIBRA DI VETRO:

E’ un materiale composito formato da un’armatura in tessuto bidirezionale caratterizzato da un’alta resa estetica e da estrema praticità, oltre a una notevole resistenza meccanica. Essendo idrorepellente e resistente all’umidità può essere applicato anche su pareti a contatto con l’acqua (zona lavabo e all’interno del box doccia). La si può impiegare anche come finitura a pavimento (anche direttamente sull’esistente).

CARTA DI RISO:

Composte totalmente da fibre vegetali sono resistenti, flessibili e biodegradabili. Possono essere stampate o decorate con diverse tecniche pittoriche (con colori a olio o acrilici, a pennello o con aerografo) oppure personalizzate con immagini o disegni propri.

CARTA DA PARATI: dove e come utilizzarla

Sono adatte a tutti gli ambienti e agli stili. Più che per rivestire l’intera stanza, sono più indicate per valorizzare le singole pareti. Si usano anche sul soffitto (o pavimento) e sostituiscono con pari efficacia le piastrelle in bagno e cucina. Un modo per usarla al meglio è quella di circoscriverla, appunto, a piccole zone.

Carta da parati FMA

Le tappezzerie si trasformano in oggetto d’arredo per dare risalto a particolari angoli della stanza o a precisi pezzi d’arredo. Catalizzano l’attenzione e guidano l’occhio nello spazio andando a sottolineare il passaggio da una zona all’altra all’interno di uno stesso spazio (pensiamo ad un living in open space).

Carta da parati FMA

Possono inoltre andare a modificare la percezione degli spazi: vogliamo riproporzionare l’altezza di un ambiente? Utilizza la carta da parati sul soffitto.

Infine come vale sempre per la scelta di pavimenti, colori, arredi e finiture: ricordiamoci di curare l’abbinamento con tutti gli elementi d’arredo (in particolare con i complementi tessili) perché bisogna mantenere sempre una certa coerenza con lo stile e ottenere un insieme armonioso e bilanciato.

GLI STILI

Data l’elevata versatilità della carta da parati possiamo dare ai nostri spazi lo stile che più ci piace e che più ci rappresenta, considerando anche un aspetto importante come il budget. Infatti in commercio se ne trovano di varie tipologie di prezzo e di fattura e ciò permette di soddisfare le richieste di chiunque in tema di home decor.

Gli stili (come per i diversi stili di arredamento ed interior design) più utilizzati sono:

  • ENGLISH COUNTRY: Rispecchiano la pura tradizione inglese prevalentemente con fiori su sfondo chiaro;
  • INDUSTRIAL: Richiamano le immagini metropolitane come mappe, ruote, scritte e effetti materici.
  • TROPICAL: Caratterizzato da grandi foglie sempreverdi lussureggianti e rigogliose;
  • GIAPPONESE: Adatto ad un design più minimal e chic con illustrazioni di rami di ciliegio e bonsai, dai colori pastello dalle tonalità tenui e rilassanti;
  • VINTAGE: Sono il classico anni’70 caratterizzate da forme geometriche multicolor in sequenza.
  • SHABBY: con richiami a vecchie teiere ed assi di legno magari consumate dalle tonalità beige e rosa pastello.

LE TENDENZE

CARTA DA PARATI CON PIANTE:

E’ una delle tipologia di carte più amate ed utilizzate dagli interior designer. Conferisce alla casa uno spirito romantico attraverso le tinte pastello e i colori tenui, e logicamente con le stampe floreali. Possiamo variare sulla grandezza dei disegni.

Utilizzando fiorellini possiamo dare risalto all’arredamento e ai tessuti della stanza (tende e tappeti).

Viceversa con fiori grandi e colorati su sfondo a contrasto dai colori più forti ci permette di riempire con facilità uno spazio grande, spostando l’attenzione proprio sull’elemento parete.

Carta da parati FMA
CartaCartaCarta da parati fiori di primavera

E’ possibile trovare carte ricche di foglie e piante dalle tonalità sgargianti che possono essere abbinate sia agli ambienti più classici che a quelli più moderni.

Carta da parati FMA

Infine, un altro tipo di carta molto usata è quella che richiama le atmosfere tipiche del Giappone.

LA DAMASCATA:

La tipologia molto in voga tra chi ama lo stile più classico ma soprattutto sfarzoso è proprio la carta da parati damascata. Si può trovare sia in carta che in tessuto (velluto). Con colori dalle tonalità forti (nero, oro e bordeaux) viene principalmente usata per camere da letto e salotti.

Si possono applicare, scegliendo invece tonalità calde e chiare come il giallo o il grigio chiaro, per quelle stanze non troppo luminose.

Carta da parati FMA
ANIMALIER:

E’ una tipologia utilizzata in ambienti in cui i bambini sono i protagonisti, specialmente se scegliamo soggetti cartoneschi dai colori sgargianti.

Ma possiamo anche scegliere di applicarla in salotti eleganti o contemporanei, sempre a seconda del soggetto e degli stili:

  • Pesci e molluschi per bagni o per ristoranti sul mare e pescherie;
  • piccoli volatili per il famoso English style;
  • animali stilizzati dalle forme più strane per ambienti contemporanei e di design
GEOMETRICO:

Sono le carte anni’70 per eccellenza tornate alla ribalta.
Non saranno sicuramente molto facili da utilizzare e da abbinare, ma con il progetto corretto può valorizzare spazi e forme in modo eccellente.

Carta da parati FMA

L’importante con questo tipo di carta non è il colore (può essere solo uno o un mix di colori) quanto cercare di utilizzare una sola tipologia di forma per volta. Il multiforme può essere fastidioso.

Si va dal minimal ed elegante contraddistinto da forme e tratti essenziali che replicano pattern ordinati ed ipnotici alla multicolor con tonalità diverse e con linee marcate per gli ambienti e le personalità più creative.

LE MAPPE:

Un’altra tipologia che assieme al geometrico sta tornando molto in voga, soprattutto nelle case in stile underground o industriali, dove città (piccole o metropolitane) arredano grandi pareti, è quella delle mappe.

Carta da parati FMA

Possiamo trovarle in molti modi:

  • monocromatiche o multicolor;
  • con dei monumenti importanti;
  • animali provenienti da diversi paesi;
  • immagini culturali

COME SI POSA?

A volte può essere posata anche da soli a volte abbiamo bisogno di un professionista posatore (può dipendere dal tipo di supporto, dalla preparazione del muro, dal disegno etc…) ma quali sono i passaggi essenziali?

  1. Si prepara la parete per la posa (si pulisce il muro e si rasa se è necessario, se invece è già presente una carta da sostituire, quest’ultima va tolta stando attenti a rimuovere completamente tutti i residui con un prodotto scollante);
  2. Si prepara il collante;
  3. Creare le linee guida (perpendicolari al pavimento) che ci permettono di applicare la carta correttamente e con facilità;
  4. In presenza di illustrazioni e scritte, facciamo combaciare perfettamente le figure presenti facendo riferimento al disegno originario o eventualmente all’abaco che ci viene consegnato assieme al rullo (è un elaborato grafico in cui viene suddiviso il disegno in tanti pezzi numerati sulla base della grandezza della parete e del rotolo stesso, e che saranno poi uniti a formare il disegno completo in fase di posa);
  5. Togliere il materiale in eccesso in prossimità di battiscopa e prese.

Nel prossimo articolo…

Nel prossimo articolo vediamo qualche consiglio e idee per decorare la casa con la carta da parati, nel frattempo lasciati ispirare da questi progetti:
Tecnografica;
Carta da parati artistica;
Wall-Art

Prenota QUI una consulenza per il tuo prossimo progetto.

Puoi trovare altri articoli con idee e consigli sull’architettura e l’interior design nel mio BLOG, e iscrivendoti alla newsletter riceverai una notifica all’uscita dei nuovi articoli. Rimani aggiornato.

Torna alla HOME.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: